Le FAQ dell’Help-desk ANDI sul 730 precompilato

faqs228Riportiamo di seguito le domande più frequenti pervenute al servizio di Help Desk e le relative risposte. Alcune di queste sono state confermate direttamente dal Sogei.

Aggiornate al 21 gennaio 2016
 
Invio dell’importo del bollo al Sistema TS

D: L’importo del bollo di € 2 va inviato al Sistema TS?
R: L’importo di € 2 relativo al bollo va inviato al Sistema TS se è stato pagato dal paziente, poiché è detraibile tutte le volte che la prestazione a cui si riferisce è detraibile.

D: L’importo del bollo di € 2 con quale tipologia di spesa va inviato? (SR = Prestazione specialistica, IC = Chirurgia estetica, AA = Altro)
R: L’importo del bollo deve essere associato alle spese inserite in fattura.
Se tutte le spese sono della stessa tipologia (es. SR) allora anche il bollo va inviato al Sistema TS con la stessa tipologia.
Vediamo invece il caso in cui le spese contenute in fattura siano di tipologia diversa. Per capire la motivazione è bene ricordare che le spese inserite come SR saranno detraibili dal paziente (se questo non compie alcuna azione contraria), mentre per le spese di tipologia IC e AA sarà il paziente a dover indicare all’Agenzia delle Entrare se tali spese sono detraibili oppure no.
Quindi se in fattura compare almeno una prestazione SR, per fare in modo che il paziente possa detrarre anche l’importo del bollo, anche questo va inserito con tipologia SR.
Se in fattura compaiono una prestazione IC ed una prestazione AA, è consigliabile che l’importo del bollo abbia la stessa tipologia della spesa con l’importo maggiore.

D: Come gestisce il bollo l’applicazione ANDI?
R: Nella pagina del profilo è presente un campo che permette di scegliere l’impostazione del proprio studio:

  • il bollo è a carico del dentista oppure è pagato dal paziente
  • il bollo è assolto in modo virtuale oppure è apposta la marca da bollo sulla fattura originale

L’applicazione ANDI, per fare in modo di coprire tutte le casistiche, comprende quindi 4 possibilità, che dipendono dall’incrocio dei due elementi precedenti:

  • L’importo del bollo viene addebitato in aggiunta al compenso professionale e viene apposta la marca da bollo sulla fattura (verrà aggiunta automaticamente riga in fattura di importo pari a € 2)
  • L’importo del bollo viene addebitato in aggiunta al compenso professionale e l’imposta di bollo viene assolta in modo virtuale (verrà aggiunta riga in fattura di importo pari a € 2, e inserita a piede la dicitura “L’imposta di bollo viene assolta in modo virtuale ai sensi art.15 DPR 642/72”)
  • L’importo non viene registrato in fattura e resta un costo dello studio (viene aggiunta in fattura la dicitura: “Fattura esente da IVA ai sensi art.10 D.P.R. 633/72 e successive modificazioni – Bollo sull’originale)
  • L’importo del bollo non viene addebitato in aggiunta al compenso professionale e resta a carico dello studio e l’imposta di bollo viene assolta in modo virtuale (verrà aggiunta riga in fattura con la dicitura “L’imposta di bollo viene assolta in modo virtuale ai sensi art.15 DPR 642/72”)

Deceduto

D: Se il dentista è deceduto, la moglie o i figli devono provvedere all’invio per suo conto?
R: Poiché le credenziali sono personali e attribuite al medico, la competenza all’invio non può ricadere sugli eredi

Studi odontoiatrici e forma giuridica

D: Sono solo le strutture autorizzate dalla regione, indipendentemente dalla loro forma giuridica, che NON devono inviare i dati 2015?
R: Si conferma che per il 2015 le società in qualunque forma che erogano prestazioni sanitarie e sono state autorizzate dalla Regione e non accreditate con il SSN non hanno l’obbligo di trasmettere.

D: Per gli studi associati, chi deve inviare i dati?
R: Per il 2015 non necessariamente deve essere colui che è indicato nel modello AA7/10, ma uno qualsiasi tra gli associati. Questa soluzione potrebbe variare nel corso del 2016.

Fatture 2016

D: I dati relativi alle fatture 2016 quando vanno inviati?
R: I dati delle fatture 2016, possono essere inviati singolarmente attraverso il sito Tessera sanitaria ad ogni emissione fattura, oppure comunque entro gennaio 2017.

Fatture con data fattura e data pagamento in anni diversi

D: Se una fattura è stata emessa con data nel 2014 ma è stata pagata nel 2015, questa va inviata al Sistema TS entro gennaio 2016?
R: Si.

D: Se una fattura è stata emessa con data nel 2015 ma è stata pagata nel 2014, questa va inviata al Sistema TS entro gennaio 2016?
R: No, essendo anche non corretto dal punto di vista fiscale

D: Se una fattura è stata emessa con data nel 2015 ma è stata pagata nel 2016, questa va inviata al Sistema TS entro gennaio 2016?
R: No, ma deve essere inviata come fattura del 2016 (entro gennaio 2017).

Fatture ad uno studio o ad altro medico per collaborazioni

D: Se emetto delle fatture intestate ad uno studio odontoiatrico per una collaborazione o consulenza, devo inviarle al Sistema TS?
R: No, vanno inviate solo le fatture per prestazioni sanitarie intestate ai pazienti (persone fisiche).

Intestatario fattura

D: A chi deve essere intestata la fattura?
R: La fattura dovrebbe essere intestata al paziente. In ogni caso vanno inviati al sistema Tessera sanitaria i dati riportati in fattura (nome, cognome, codice fiscale) anche se sono riferiti al committente la prestazione (es: genitore per i figli).

Pazienti convenzionati con fondi sanitari/assicurazioni

D:Il paziente ha una convenzione con un fondo sanitario o assicurazione. In quali casi la fattura va inviata al Sistema TS?

CASO 1: Fattura intestata al paziente e pagata dall’assicurazione direttamente al dentista:
R: Si conferma la trasmissione della fattura. Sarà poi il fondo o l’assicurazione che, a sua volta, dovrà inviare i dati e gli importi di rimborso al Sistema TS.

CASO 2: Fattura intestata al paziente e pagata IN PARTE dall’assicurazione al dentista ed IN PARTE dal paziente al dentista. Quale data di pagamento/incasso va messa?
R: Si conferma la trasmissione della fattura, la data di pagamento deve essere quella del saldo.

Anche in questo caso sarà il fondo o l’assicurazione che, a sua volta, dovrà inviare i dati e gli importi di rimborso al Sistema TS.

CASO 3: Fattura intestata al fondo/assicurazione che comprende anche più pazienti e pagate direttamente dal fondo al dentista.
R: Si conferma che tale documento NON deve essere trasmesso, poiché non intestato ad un paziente.

Tipologia spesa

D: Nel momento di inserimento di una fattura, viene richiesto di inserire “Tipo spesa”, è possibile scegliere tra varie opzioni: TK= Ticket;  FC= Farmaco, anche omeopatico. Dispositivi medici CE; AS= Spese sanitarie relative ad ECG, spirometria, Holter pressorio e cardiaco, test per glicemia, colesterolo e trigliceridi o misurazione della pressione sanguigna, prestazione previste dalla farmacia dei servizi e simili; SR= Spese prestazioni assistenza specialistica ambulatoriale esclusi interventi di chirurgia estetica. Visita medica generica e specialistica o prestazioni diagnostiche e strumentali. Prestazione chirurgica ad esclusione della chirurgia estetica. Ricoveri ospedalieri, al netto del comfort. Certificazione medica.;  CT= Cure Termali;  PI= protesica e integrativa;  IC= Intervento di chirurgia estetica ambulatoriale o ospedaliero;  AA= Altre spese?
R: Come indicato nello “Disciplinare Tecnico riguardante la trasmissione dei dati delle spese sanitarie” allegato al Decreto, disponibile sul sito del Sistema TS, per gli iscritti all’Albo dei Medici e gli Odontoiatri le possibili tipologie di spesa inseribili sono solo 3:

  • SR= Spese prestazioni assistenza specialistica ambulatoriale esclusi interventi di chirurgia estetica. Visita medica generica e specialistica o prestazioni diagnostiche e strumentali. Prestazione chirurgica ad esclusione della chirurgia estetica. Ricoveri ospedalieri, al netto del comfort. Certificazione medica (è questo il codice che riguarda le normali prestazioni odontoiatriche).
  • IC= Intervento di chirurgia estetica ambulatoriale o ospedaliero
  • AA= Altre spese

Delega al commercialista

D: Come faccio a delegare il commercialista all’invio dei dati?
R: La delega al commercialista si può fare SOLO accedendo all’area riservata del Sistema TS ed inserendo la delega (mettendo indirizzo PEC e codice fiscale del commercialista). Il commercialista riceverà un email di ricezione delega al suo indirizzo PEC (vedi pagina 20 delle istruzioni del Sistema TS allegati a fondo pagina).

D: Il commercialista, per inviare i dati, deve utilizzare il codice Entratel di cui è già in possesso?
R: Si, fermo restando il fatto che il soggetto delegato deve rientrare tra le tipologie autorizzate.

D: Il mio commercialista è uno studio professionale associato e anche se abilitato da Entratel, il Sistema TS non lo riconosce.
R: Il Sistema Tessera Sanitaria segnala l’errore e non consente di completare la procedura di acquisizione della delega, poiché non trova corrispondenza tra il codice fiscale e l’indirizzo PEC dell’intermediario. Il problema è dovuto al fatto che dall’indice nazionale INI-PEC (elenco di riferimento che utilizza il Sistema TS) sono esclusi gli indirizzi PEC degli studi professionali associati, la cui gestione, infatti, non è attualmente contemplata.

Potete inviare i vostri dati per conto e nome vostro, registrandovi al Sistema TS e ricevendo il vostro PINCODE, e quindi utilizzare l’applicativo che mette a disposizione ANDI (leggi le istruzioni a fondo pagina).

Pazienti residenti all’Estero

D: Ho dei pazienti residenti all’Estero. Devo inviare le loro fatture?
R: Vanno inviate solo le fatture dei pazienti che hanno una posizione fiscale in Italia (compilano la dichiarazione dei redditi).

Leggi le istruzioni del Sistema TS.
Leggi il manuale dell’applicativo ANDI.

Pubblicato il 20 gennaio 2016

Newsletter del 20.01.2016

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Corsi 81/08

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software ANDI
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro

Presidenza

La battaglia è sempre più dura ma certamente non ci arrendiamo

News Culturali

Aggiornamento continuo in odontoiatria tramite lettura ragionata della letteratura scientifica

Presidenza

ANDI, istanza al Ministero dell’Economia. Per noi la norma sul 730 precompilato non si applica ai non convenzionati con il SSN
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci