Tariffario indicativo per tutelare i cittadini. ANDI torna a chiederlo alla politica

calcolare-cosi-studio_img_interna_andiParametri per orientare i cittadini sui prezzi delle terapie, in modo da permettere di capire quali siano le prestazioni che seguono standard minimi di qualità e quali no. E’ questo quanto chiede da tempo ANDI ed il senso dell’emendamento che aveva cercato di inserire nel Ddl Job Act del lavoro autonomo.

Richiesta che ANDI porterà in piazza il 13 maggio durante la manifestazione indetta da alcune sigle sindacali per i professionisti sull’equo compenso.

Il diritto di vedersi riconosciuto il giusto compenso per il lavoro svolto è un principio che deve valere anche per la libera professione ed ancora di più per i professionisti che si occupano della salute delle persone“, aveva sottolineato il Presidente ANDI dott. Gianfranco Prada, annunciando l’adesione dell’Associazione alla manifestazione per chiedere una legge sul giusto ed equo compenso.

Una iniziativa per i giovani colleghi che va ad affiancarsi alle tante che l’Associazione ha attivato in questi anni con il progetto ANDI Young sia per il loro aggiornamento professionale che per le tutele nella collaborazione con altri professionisti.

Sul tariffario minimo di riferimento la posizione di ANDI è chiara da tempo. Serve uno strumento necessario per dare la possibilità ai cittadini di capire il valore della prestazione e l’abolizione del tariffario minimo ha tolto questa possibilità.

Gli alti costi dei materiali utilizzati per le cure odontoiatriche – ha ricordato il Presidente Prada alla Stampa – non consentono di scendere sotto determinate cifre e se questo avviene molto spesso è perché vengono utilizzati materiali scadenti, non a norma, provenienti da Paesi stranieri oppure non si dedica il tempo necessario per effettuare quella cura, non si rispettano i protocolli clinici e tutto a discapito della salute del cittadino“.

Un tariffario indicativo darebbe la possibilità ai pazienti di valutare ed eventualmente porsi i doverosi dubbi e questo, d’altra parte, varrebbe anche per evitare che vengano richieste parcelle esorbitanti, come purtroppo qualche volta accade.

Pubblicato il 19 aprile 2017

Newsletter del 19.04.2017

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software ANDI
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci