Legge sulla Concorrenza: le novità in vigore

Il 2 agosto c’è voluto il voto di fiducia richiesto dal Governo per poter approvare definitivamente, dopo oltre trenta mesi di discussione, la Legge sulla Concorrenza che è ora in vigore.

E’ venuta in questo modo a mancare la discussione sugli emendamenti, caparbiamente fatti ripresentare da ANDI, per regolamentare in modo corretto l’esercizio dell’odontoiatria da parte delle società. Il testo della legge ai commi 153,154,155,156 si occupa nello specifico di odontoiatria, lasciando aperta la controversa e combattuta possibilità, come è avvenuto sino ad oggi, dell’ingresso di capitali in una professione protetta e regolamentata come la nostra. La novità prevista dalla legge è l’obbligo per le società di avere un direttore sanitario iscritto all’Albo degli Odontoiatri, che può svolgere la sua funzione esclusivamente in una sola struttura.

Vediamo più nello specifico quanto inserito nella Legge 4 agosto 2017, n. 124 (“Legge annuale per il mercato e la concorrenza”) nei tre passaggi che ci interessano e cioè il preventivo scritto, direzioni sanitarie e società di capitale.

Preventivo scritto: La nuova Legge sulla Concorrenza si inserisce sul precedente testo dell’art. 9 comma 4 del Testo del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 (in Supplemento ordinario n. 18/L alla Gazzetta Ufficiale – Serie generale – n. 19 del 24 gennaio 2012), coordinato con la legge di conversione 24 marzo 2012, n. 27 inserendo al secondo periodo, dopo le parole: «Il professionista deve rendere noto» la seguente dicitura: “obbligatoriamente, in forma scritta o digitale” e, al terzo periodo, dopo le parole: “la misura del compenso è previamente resa nota al cliente» vengono inserite le seguenti: «obbligatoriamente, in forma scritta o digitale». Ci troviamo quindi di fronte all’obbligo di fornire il preventivo in forma scritta o digitale, che ritengo poco cambi nelle procedure dei nostri studi in relazione a riabilitazioni impegnative, mentre per prestazioni che si effettuano in una sola seduta diviene un inutile esercizio di burocrazia fine a se stessa. La nuova norma è già in vigore e all’obbligatorietà del preventivo scritto non è correlata alcuna sanzione. Il preventivo scritto è comunque necessario non solo nella prospettiva di adempiere in modo corretto all’obbligo di legge ma, altresì, al fine di poter in seguito dare corso alle opportune azioni nell’ipotesi di insolvenza parziale o totale del paziente.

Direzioni sanitarie: ora è obbligatorio che un direttore sanitario svolga tale funzione in una sola struttura (art. 155. Il direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici svolge tale funzione esclusivamente in una sola struttura). Questa limitazione potrà rappresentare un ulteriore passo contro l’abusivismo e/o il ribasso di onorari tipici di alcune strutture. Inoltre le strutture sanitarie polispecialistiche presso le quali è presente un ambulatorio odontoiatrico, ove il direttore sanitario non abbia i requisiti richiesti per l’esercizio dell’attività odontoiatrica, devono nominare un direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici.

Società di capitale: la norma prevede all’art. 153 che “L’esercizio dell’attività odontoiatrica… è altresì consentito alle società operanti nel settore odontoiatrico le cui strutture siano dotate di un direttore sanitario iscritto all’albo degli odontoiatri e all’interno delle quali le prestazioni di cui all’articolo 2 della legge 24 luglio 1985, n. 409, siano erogate dai soggetti in possesso dei titoli abilitanti di cui alla medesima legge.” Il possibile allargamento dell’esercizio della nostra attività (che al momento è in fase di valutazione da parte dei nostri consulenti, anche alla luce delle posizioni espresse dal Ministero dello Sviluppo Economico) ci vede fortemente contrari e quindi certo intraprenderemo una forte opposizione a tutti i livelli.

L’approvazione del DDL Concorrenza rischia di aprire un fronte di contenziosi su quale tipo di società possa esercitare l’odontoiatria,” dichiara il Presidente Nazionale Gianfranco Prada“, proseguiremo le nostre battaglie, supportate da forti pareri legali e giuridici, al fine di evitare che la professione venga esercitata da società non conformi alle norme e non registrate all’apposito registro tenuto presso gli Ordini provinciali, con chiari rischi per la tutela dei pazienti e della loro salute. Difendiamo il modello libero-professionale e riteniamo che gli interessi puramente commerciali di buona parte delle società oggi operanti vadano a discapito dei pazienti, spesso oggetto di offerte e prestazioni indotte dalla necessità di puro lucro e non dall’appropriatezza delle cure. ANDI ribadisce il valore della professione esercitata secondo canoni di eticità e presa in cura dei pazienti e continuerà a battersi in ogni occasione per ottenere norme chiare e certe a tal proposito“.

Dott. Alberto Libero
Segretario Sindacale Nazionale

Pubblicato il 6 settembre 2017

Newsletter del 06.09.2017

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software ANDI
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci