Intervista al Dott. Antonio Lapi, Segretario Sindacale ANDI Roma e Delegato all’Assemblea di FondoSanità

Intervista al Dott. Antonio Lapi, Segretario Sindacale ANDI Roma e Delegato all’Assemblea di FondoSanità

La scorsa settimana ci sono state le elezioni per i Delegati all’Assemblea di FondoSanità per il triennio 2020-2023 e lei è stato eletto. Quali saranno i suoi compiti?

FondoSanità è un fondo pensione complementare a capitalizzazione per gli esercenti le professioni sanitarie. È un’associazione senza fini di lucro il cui obiettivo è quello di offrire un valido strumento di previdenza complementare agli esercenti le professioni sanitarie.

I compiti dei delegati sono: nomina del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Sindaci, controllo sulle scelte strategiche ed organizzative del Fondo, possibilità di scelta e di eventuali cambiamenti dei gestori.

Quali sono i vantaggi della pensione complementare?

Gli enti di previdenza obbligatoria (tra i quali anche Enpam) in base alla vigente normativa non potranno garantire il superamento del 50/60% dell’ultimo reddito professionale. Sarà molto difficile riuscire a mantenere lo standard di vita abituale dopo aver cessato l’attività lavorativa. Risulta quindi fondamentale sottoscrivere una pensione integrativa che, al raggiungimento del requisito pensionistico previsto dall’ente di previdenza obbligatoria, ci garantisca una rendita vitalizia personale o reversibile (eredi o beneficiari designati) e che potrà anche essere liquidata in parte sotto forma di capitale.

Ci sono benefici fiscali? Questi versamenti servono anche a pagare meno tasse?

Il vantaggio nell’immediato è rappresentato dal fatto che i versamenti, liberi e volontari, sono oneri deducibili per un importo annuale fino a 5.164 €. Inoltre, la tassazione della rendita vitalizia del 15% è ridotta dello 0,30 per ogni anno eccedente il 15º anno di partecipazione fino ad arrivare al 9%.

Possono iscriversi i giovani laureati?

Sono proprio gli aderenti più giovani che possono avere i maggiori vantaggi dalla previdenza integrativa, sia per l’andamento dei mercati finanziari che per la leva della capitalizzazione che moltiplica il nostro capitale tanto più quanto più a lungo è investito.
Poiché possono essere iscritti anche i familiari fiscalmente a carico dell’iscritto, l’ideale sarebbe iscrivere anche i nostri figli fin da piccoli, in modo da garantire la loro pensione futura, con versamenti costanti e prolungati nel tempo.


Fondo sanità è un fondo ”chiuso”. Quali vantaggi ha rispetto ad un fondo “aperto”?

I principali vantaggi sono rappresentati dal fatto che non ci sono commissioni da corrispondere a promotori o agenti. Tra l’altro, le commissioni di gestione sono nettamente inferiori a quelle dei fondi “aperti” ed anche alla maggior parte degli altri fondi “chiusi”, con conseguenti differenze nel capitale accumulato e nella rendita vitalizia.

Condividi su: