A Catanzaro appuntamento il 26 e 27 novembre con il corso “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”

A Catanzaro appuntamento il 26 e 27 novembre con il corso “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”
Condividi su:

Si terrà presso l’Hotel Guglielmo di Catanzaro il corso di aggiornamento in odontoiatria dal titolo “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”, che si fregia della presidenza onoraria della Magnifica Rettrice Antonella Polimeni e che si aprirà con l’intervento via web del Presidente Nazionale ANDI Dott. Carlo Ghirlanda e del Presidente Nazionale CAO Dott. Raffaele Iandolo. Il Presidente CAO Catanzaro e Direttore scientifico del corso, Salvatore De Filippo, commenta i temi di questo importante appuntamento.

In collaborazione con ANDI Catanzaro e il Presidente della Sezione, Enrico Cataneo, abbiamo organizzato questo convegno che vedrà nel primo giorno un incontro volto ad individuare i percorsi assistenziali migliori per il futuro e la forma societaria degli studi. Da anni siamo alleati con il Codacons quale interlocutore principale, considerando il nostro paziente un alleato. C’è, quindi, una relazione che mette in evidenza l’importanza nella scelta dell’Odontoiatra da parte dei cittadini. Tema successivo quello sulle competenze dei direttori sanitari, anche in relazione al codice deontologico, mentre nella giornata di venerdì verranno affrontati tutti gli aspetti extra-clinici. Nella restante parte del convegno sono in programma le relazioni sui temi clinici, molto apprezzate dai colleghi.

Il nome del corso è nato undici anni fa: “Gli odontoiatri al servizio delle famiglie”, proprio perché ci siamo sempre rivolti ai cittadini. La professione odontoiatrica è fatta da dentisti che si aggiornano e si formano per migliorare la qualità e la sicurezza delle cure. La nostra professione ha un valore sociale importante ed i corsi nascono per aggiornare i colleghi ma anche per valorizzarli. Nei nostri corsi ed incontri abbiamo sempre inserito temi molto vicini ai cittadini, con un approccio multidisciplinare. Come CAO e come ANDI, – conclude De Filippo – bisogna creare le premesse per mantenere vivo il rapporto di fiducia tra odontoiatria e paziente.