Appello di Andi al Parlamento: occorre confiscare le attrezzature dei falsi dentisti. Proposto un emendamento al ddl-delega sulla Salute

Ogni giorno nel nostro Paese migliaia di cittadini sono truffati da operatori sanitari che li curano senza avere preparazione e strutture adeguate, compromettendo irreparabilmente la loro salute. Solo nel settore odontoiatrico sono stimati 20 mila dentisti abusivi, una piaga che da oltre 60 anni l’ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) tenta di contrastare sensibilizzando l’opinione pubblica, ma soprattutto le Istituzioni chiedendo di inasprire le pene per coloro che esercitano illegalmente una professione sanitaria o per gli iscritti all’Albo che li “coprono” svilendo la propria professione.

Pur essendo l’esercizio abusivo di una professione sanitaria un reato penale, chi viene scoperto e denunciato quasi sempre non arriva alla condanna ma patteggia la pena con poche centinaia di euro di ammenda. Grazie alla sensibilità dei parlamentari attenti al problema, negli anni sono stati molti i disegni di legge che hanno cercato di inasprire le pene per la violazione dell’art. 348 del codice penale, ma nessuno è mai stato approvato diventando legge. Oggi in Parlamento giacciono quattro proposte di legge specifiche sul tema e solo una ha cominciato il percorso parlamentare in commissione Giustizia tra molte difficoltà, nonostante vi sia la disponibilità bipartisan alla loro approvazione. Sul tema, recentemente, sia il ministro della Salute che quello della Giustizia hanno dichiarato la propria volontà di intervenire con provvedimenti ad hoc.

Riteniamo che si debba e si possa trovare una soluzione rapidamente – dice il presidente nazionale dell’ANDIGianfranco Prada – per ripristinare la legalità in questo settore, ma soprattutto per tutelare la salute dei cittadini. Non è possibile indugiare ulteriormente, bisogna creare un reale deterrente legislativo che impedisca ai truffatori di continuare a delinquere”.

La proposta di ANDI è quella di inserire nel disegno di legge “delega al governo per il riassetto della normativa in materia di sperimentazione clinica e per la riforma degli ordini delle professioni sanitarie, nonché disposizioni in materia sanitaria”, attualmente in discussione alla commissione Affari sociali della Camera, un emendamento che permetta di confiscare le attrezzature ed ogni altro bene o strumento utilizzati, a qualsiasi titolo, per tentare o consumare il reato a coloro che vengano condannati per esercizio abusivo di una professione sanitaria.

Per questo – continua il presidente Prada –  abbiamo chiesto aiuto al ministro della Salute, prof. Ferruccio Fazio, a quello della GiustiziaAngelino Alfano, al presidente della commissione Affari sociali della CameraGiuseppe Palumbo, ai suoi componenti ed ad altri 99 parlamentari che hanno firmato le proposte di legge che giacciono in Parlamento sulla materia inviando questa mattina il testo dell’emendamento che vorremmo fosse inserito nel ddl-delega ed approvato. Confidiamo nella loro volontà di porre fine a questo meschino reato che da troppo tempo provoca danni irreparabili alla salute degli italiani”.

Condividi su: