Comunicazione odontoiatra-paziente: le basi per l'alleanza terapeutica

Comunicazione odontoiatra-paziente: le basi per l'alleanza terapeutica

La comunicazione odontoiatra-paziente è la premessa essenziale per poter raggiungere risultati soddisfacenti al termine del percorso di cure.

Il motivo per cui spesso si instaura un legame duraturo tra dentista e paziente dipende dal fatto che il rapporto tra queste due figure è piuttosto assiduo. Per tutti è raccomandata una seduta di igiene orale professionale almeno 1 volta all’anno, e in pazienti con problemi parodontali o altre condizioni patologiche questa frequenza può aumentare. 

Un rapporto nel quale c’è una sana comunicazione pone le basi per la cosiddetta “alleanza terapeutica”.

Ciò significa che odontoiatra e paziente viaggiano uniti negli intenti e nelle aspettative verso obiettivi condivisi. 

Comunicazione odontoiatra-paziente: capacità di ascolto e chiarezza esplicativa

Per dar vita a una relazione proficua si deve fare un’analisi dei propri comportamenti e di quelli del proprio interlocutore.

Entrambe le parti devono fare del proprio meglio perché il rapporto funzioni. Un modo semplice per capire se si è sulla giusta strada è porsi alcune semplici domande:

  • La fase di dialogo ricopre un tempo sufficiente della visita (in particolare della prima visita)?
  • Prima di iniziare la terapia viene spiegato con attenzione cosa sta per avvenire? 
  • C’è una distribuzione degli spazi nello studio idonea a garantire una comunicazione serena?
  • Viene prestata attenzione alle emozioni che si manifestano durante il trattamento odontoiatrico?

Se la risposta a tutte queste domande è positiva vuol dire che la comunicazione odontoiatra-paziente si basa su relazionali solide: entrambi dedicano tempo all’ascolto delle esigenze reciproche e rispondono di conseguenza, a parole e nei fatti. 

Comunicazione odontoiatra-paziente: qualche documento importante

La forza del rapporto instaurato passa anche dalla redazione di alcuni documenti, il più importante dei quali è la cartella clinica. 

Il primo atto che viene compiuto quando si compila la cartella è l’anamnesi. In questa fase il curante indaga nel dettaglio le condizioni generali e del cavo orale del paziente, al quale però spetta il dovere di non tralasciare nulla di importante. Bisogna sempre riferire al proprio dentista:

  • farmaci assunti;
  • malattie in corso e pregresse; 
  • storia famigliare di patologie; 
  • abitudini che possano incidere sulla salute orale. 

Instaurare un rapporto, in questa relazione come accade nella vita, significa essere aperti e sinceri nell’esprimersi. 

Una volta raccolti questi dati si potrà cominciare a parlare realmente della bocca e di tutto ciò che ci si aspetta di poter fare per essa attraverso un ciclo di cure.

Anche le radiografie e le fotografie sono documenti importanti nella comunicazione odontoiatra-paziente. Le prime danno informazioni relative allo stato dei tessuti duri, ossa ed elementi dentari, mentre le seconde immortalano lo stato dei tessuti molli, di lingua, guance e mucose.

Queste immagini serviranno per comprendere meglio lo stato del cavo orale e ragionare sul piano di cure da mettere in atto per affrontare eventuali patologie. 

Talvolta può essere utile realizzate nuove radiografie e nuove fotografie proprio per poter confrontare la situazione iniziale con quella finale. 

Altro documento che serve a rendere chiara e trasparente la comunicazione odontoiatra-paziente è il preventivo. È importante che vengano prospettate – ove presenti più possibilità terapeutiche – tutte le alternative, così da poter scegliere insieme il percorso migliore e più adatto alle esigenze del paziente. 

Condividi su: