Anche i dati delle Entrare sui redditi dei professionisti confermano un “mercato” instabile

redditi228Come ogni anno, a fine maggio, il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato i dati degli studi di settore dei dentisti relativi alle dichiarazioni 2015 riguardanti l’anno di imposta 2014.

Dai dati diffusi emerge che la nostra professione ha risentito meno di altre professioni della crisi anche se il fatturato dei dentisti non cresce in modo significativo da anni, ma non cala.

Sostanzialmente i dati diffusi dalle Entrate confermano quanto rilevato dalle ricerche Congiunturali svolte dal Servizio Studi ANDI in questi anni. Analisi che a differenza dei dati delle Entrate sondano la percezione che i dentisti hanno dell’andamento della propria attività.

Constatare che il fatturato non sia calato conferma la sensazione che negli ultimi anni abbiamo rilevato con le indagini congiunturali ANDI”, commenta il Presidente ANDI Gianfranco Prada. “Dalle nostre indagini abbiamo rilevato che per la maggioranza dei dentisti italiani il giro d’affari è rimasto invariato mentre circa il 30% dei colleghi dichiarava un calo”.

Anche questo dato – continua il Presidente Prada – non viene sconfessato da quelli delle Entrate. In tema di fatturato uno studio può non rilevare variazioni perché, magari, in quell’anno ha effettuato qualche grossa riabilitazione in più rispetto all’anno precedente nonostante abbia perso un buon numero di pazienti che nell’anno precedente si erano rivolti allo studio per sedute di igiene o piccole cure. La percezione di questi studi sull’andamento del lavoro sarà quella di aver avuto un calo di pazienti anche se di fatto il fatturato è rimasto costante”.

Analizzando i dati del 2014, rispetto al 2013, il fatturato dei dentisti italiani rimane pressoché invariato (152.300 euro nel 2014 rispetto ai 152.290 euro del 2013) così come rimane stabile il reddito (50.420 euro nel 2013 contro i 50.300 euro nel 2014). Stabili anche i redditi delle persone fisiche (49.100 euro nel 2014 contro i 49.290 euro nel 2013); degli studi associati (68.600 euro nel 2014 contro i 68.480 euro del 2013); delle società di capitale (24.700 euro del 2014 e 20.900 euro nel 2013).

Osservando i dati delle Entrate – commenta il Presidente Prada – abbiamo l’ennesima conferma di come la nostra professione, confrontata ad altre libere professioni, sia più simile a quella di una impresa visto che il reddito è meno di un terzo del fatturato. Dimostrazione di come siano molto alte le spese di uno studio odontoiatrico rispetto a quelle che deve sostenere uno studio di un avvocato ma anche dello stesso medico”.

Esaminando la professione dal punto di vista del numero di esercenti si rileva come il numero dei dentisti “attivi” sia di 44.085 esercenti, di questi 36.925 le persone fisiche (+584 rispetto al 2013), 5.217 gli studi associati (-7 rispetto al 2013) mentre le società di capitale nel 2014 erano 1.943 (+129 nel 2013).

Pubblicato il 8 giugno 2016

Newsletter del 08.06.2016

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08 e Privacy

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci