Approvare al più presto Decreto su direzione sanitaria delle strutture odontoiatriche. Il Presidente Prada pressa il Ministero per sanare il vuoto legislativo

Con l’approvazione della Legge sulla Concorrenza avvenuta il 2 agosto 2017 e la sua entrata in vigore (il 29 agosto), tutte le strutture sanitarie polispecialistiche presso le quali è presente un ambulatorio odontoiatrico, ove il direttore sanitario non abbia i requisiti richiesti per l’esercizio dell’attività odontoiatrica, devono nominare un direttore sanitario responsabile per i servizi odontoiatrici che sia in possesso dei requisiti di cui al comma 154.

Il professionista può svolgere l’incarico di Direttore Sanitario in una sola struttura.

La norma indica che “Il mancato rispetto degli obblighi di cui ai commi 154, 155 e 156 comporta la sospensione delle attività della struttura, secondo le modalità definite con apposito decreto del Ministro della salute, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge”.

Ora sono ampiamente trascorsi 90 giorni ma del Decreto non si vede traccia”, denuncia il Presidente Nazionale ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) Gianfranco Prada.

Un vuoto normativo che deve essere colmato al più presto anche a garanzia delle strutture odontoiatriche che già dal 29 agosto devono dotarsi di direttore sanitario esclusivo”, dice il Presidente Prada ricordando come in assenza di norme che indichino chiaramente il tipo di sanzione da applicare, le stesse saranno a discrezione di chi controlla che deve sospendere l’autorizzazione sanitaria, come chiaramente indica la Legge, ma per il periodo che l’autorità di controllo deciderà di indicare, mancando una indicazione normativa. “Quindi si creeranno disparità interpretative sul territorio italiano”, prevede Prada.

Ma l’appello del Presidente ANDI non è solo rivolto al fine che si emani al più presto il Decreto ma che nel Decreto vengano inserite tutte quelle indicazioni che oggi mancano per regolamentare la nomina del direttore sanitario a cominciare dall’obbligo per le strutture di comunicare all’Ordine il nominativo e la data di incarico, o revoca, del direttore sanitario adottato e l’obbligo da parte delle OMCeO provinciali di tenere un elenco e rilasciare un nulla osta al direttore sanitario da consegnare all’Ufficio di Sanità pubblica che certifichi che quel professionista non ha altri incarichi, magari in strutture di altre provincie e regioni. Serve poi una maggior collaborazione tra uffici provinciali del Registro Imprese e le stesse OMCeO, “se gli Ordini non sanno quando vengono costituite le società o i poliambulatori come si può fare a sapere se queste si sono dotate di un direttore sanitario unico”, si chiede il Presidente Prada che pensa ad una sorta di benestare da parte dell’Ordine da allegare alla domanda per ottenere l’autorizzazione sanitaria.

Come associazione ci attiveremo al più presto a livello territoriale invitando le ASL a controllare le varie strutture al fine di verificare se la legge è stata rispettata e queste si siano dotate di un direttore sanitario esclusivo”, conclude il Presidente Prada.

Pubblicato il 20 dicembre 2017

Newsletter del 20.12.2017

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software ANDI
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci