Convegno ANTLO, un’occasione persa dagli odontotecnici italiani

odontotecnico_228

In questi giorni abbiamo letto alcuni articoli pubblicati dalla stampa di settore e i resoconti pubblicati in merito al Convegno organizzato dall’Associazione odontotecnici ANTLO all’Auditorium del Ministero della Salute.

Ebbene sembra quasi che, in ogni intervento, il tema centrale fossero le accuse in merito all’assenza di ANDI, punto centrale della discussione, visto che, salvo il Ministro durante il breve saluto, tutti si sono sentiti in dovere di commentare.

Quando il Presidente dell’ANTLO Massimo Maculan ci preannunciò l’organizzazione dell’evento, presentandolo come un momento di confronto sulle problematiche odontotecniche, avevamo dato la nostra piena disponibilità a partecipare, essendo gli odontotecnici una parte fondamentale del Team Odontoiatrico, coloro che realizzano i dispositivi protesici prescritti per la riabilitazione dei pazienti che l’odontoiatra sta curando.

A farci, in seguito, decidere di non essere presenti è stato l’apprendere, attraverso varie note emanate dall’ANTLO, che il Convegno da un confronto sulla “questione odontotecnica” si era trasformato in una vera e propria “Conferenza sull’Odontoiatria” organizzata da un sindacato di odontotecnici, con l’ipotetica presenza del Presidente del Collegio dei Docenti in Odontoiatria, del Vicepresidente Vicario dell’Ente pensionistico di Medici e Dentisti, dei Presidenti o Segretari di alcune associazioni di assistenti alla poltrona e di igienisti dentali.

Cosa hanno a che fare con la “questione odontotecnica” i rappresentanti di queste Istituzioni ed Associazioni?

Abbiamo poi letto, altra assurdità, che il Presidente AIO ha rivendicato di aver concluso “un accordo bipartisan” con gli unici due politici presenti per portare al 100% la detrazione delle parcelle odontoiatriche (!!!), il presidente AIDI ha parlato della necessità di fare nascere un Albo per gli igienisti dentali ed il Segretario SIASO ha rivendicato la necessità di un profilo professionale per le ASO.

Questioni cogenti alla sopravvivenza della figura dell’odontotecnico o al suo profilo professionale?

Se è potenzialmente legittimo, ma da parte nostra non condivisibile, che un sindacato come ANTLO abbia voluto sostituirsi allo stesso Ministero per “convocare” tutto il settore dentale, mi sembra altrettanto legittimo che il sindacato di categoria ovunque considerato unico e autorevole riferimento del settore  dell’Odontoiatria abbia deciso, una volta capiti i veri obiettivi, di declinare l’invito.  E non facendolo con una scusa, un “raffreddore improvviso”, ma inviando una lettera ufficiale agli organizzatori ed a chi li ospitava. E come noi hanno disertato il Convegno il Collegio dei Docenti ed ENPAM.

La vera questione odontotecnica sta invece a cuore ad ANDI perché i dentisti ANDI sono i primi a riconoscere l’importanza dell’odontotecnico nel Team Odontoiatrico, sanno quanto sia alta la capacità professionale degli odontotecnici italiani, quanto serva un odontotecnico sempre più qualificato e preparato a realizzare dispositivi protesici sicuri e che rispecchiano le caratteristiche che l’odontoiatria ha individuato per curare quel singolo paziente e che ha richiesto attraverso la prescrizione effettuata.

Siamo disponibili a discutere e sostenere le legittime richieste di  modifica ad un profilo vecchio di 80 anni per fornire meglio all’odontotecnico quelle competenze che oggi servono per ottenere dispositivi la cui realizzazione necessita di mezzi sempre più tecnologici ed avanzati, per consentire a noi clinici di riabilitare i nostri pazienti con protesi sempre più sicure, biologicamente e tecnologicamente performanti.

Ma se poi come capita, come purtroppo è avvenuto da 15 anni a questa parte, che, dopo tante discussioni e parole, quando si mette nero su bianco una ipotesi concreta si scopre che l’unico fine di quell’obbiettivo non è migliorare la propria formazione o il proprio status professionale ma solamente poter essere legittimati a mettere le mani nella bocca del paziente, allora a quel tavolo ANDI non si siede. Ne abbiamo già perso troppo di tempo per questi tentativi. Facciano pure da soli e vediamo se e da che parte si schiererà la politica. Perché sempre da lì poi si deve passare!

Troviamo che il rincorrere questa anacronistica aspirazione abbia portato purtroppo gli odontotecnici italiani in un angolo e non solo nel settore specifico, ma anche nel mercato, facendosi non certo scippare il lavoro da quei pochi dentisti che si sono comprati un fresatore per la costruzione di qualche intarsio o corona (odontoiatri peraltro pienamente legittimati dalla propria laurea a farlo) ma dall’industria che da una parte gli vende scanner e fresatori e dall’altra si propone come fabbricante di strutture protesiche e dispositivi finiti oppure dai laboratori più organizzati che oggi operano all’estero, ma domani potrebbero, come capita per le catene odontoiatriche low-cost,  venire ad aggredire il mercato in Italia.

Se ANTLO, ma anche SNO/CNA, Confartigianato Odontotecnici o tutte le altre sigle sindacali che rivendicano la tutela dell’odontotecnico vogliono confrontarsi per evitare che l’odontotecnico, come oggi lo conosciamo, scompaia, noi siamo ben disponibili. Se invece si vuole proporre una cosa e poi cercare di farne un’altra allora si rivolgano ad altri. Tanto abbiamo visto che interlocutori in cerca di un palcoscenico se ne trovano ma, come per tutte le questioni, alla fine non basta sostenere di “averlo detto”, bisogna “riuscire a farlo”!

 

La Presidenza Nazionale.

Pubblicato il 4 maggio 2016

Newsletter del 04.05.2016

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08 e Privacy

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci