I Dentisti ANDI si confermano titolari di studio, ma gli under 35 scelgono la collaborazione. Callioni: da valutare se una scelta o un ripiego

statisticheCome sta cambiando il modo di esercitare la professione odontoiatrica? A chiederselo è stata ANDI che attraverso il Servizio Studi ha implementato l’annuale indagine congiunturale con una serie di quesiti che tentavano di capire i modelli di esercizio dei Soci ANDI.

Nelle precedenti indagini – spiega Roberto Callioni, Coordinatore del Servizio Studi ANDI – abbiamo sempre sondato le scelte dei dentisti in tema di esercizio libero professionale, oggi ci è sembrato interessante capire le scelte dei nostri Soci anche in tema di collaborazioni e di esercizio della professione all’interno di studi associati e società di capitale ma anche come ricercatori nelle Università o come dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale”.

Secondo i dati rilevati, la fotografia emersa conferma che il socio ANDI è un titolare di studio (il 74,7% ha dichiarato di esserlo), decisamente meno i collaboratori (26%), mentre il 12,3% è socio di uno studio associato; un migliaio (il 3,6% degli iscritti) sono i soci in una società. Più marginale la scelta di lavorare in ambito Universitario, quasi una esclusiva degli under 35, mentre limitata all’1% del campione la collaborazione con il SSN.

statistiche_soci

Considerando i dati per fascia di età la conferma del fatto che gli under 35 scelgono la consulenza (solo il 35% ha dichiarato di essere titolare di studio) mentre con il passare degli anni si tende ad aprire il proprio studio: nella fascia di età tra i 36-45 anni la percentuale dei titolari sale a 65,8% fino ad arrivare all’85% dei soci ANDI tra i 56 ed i 60 anni.

Dati interessanti che ci danno sicuramente delle conferme ma sarà necessario continuare a monitorare il comportamento dei giovani colleghi per capire se il fatto di non aprire lo studio è una scelta dovuta alle tante difficoltà che oggi l’esercizio della professione da titolare comporta oppure per una scelta di vita”, commenta Callioni.

Altra conferma arriva analizzando le scelte per sesso: le donne titolari sono il 58% contro l’80% dei maschi.

I Dentisti ANDI soci di società hanno scelto la Srl come modello giuridico seguiti dalla SaS (12,7%), dalle StP (9,9%) e dalle SnC (6,8%). Società che sembrano attrarre visto che in due anni è cresciuto il numero di soci che le hanno attivate: nel 2015 erano il 2,6%

La ricerca ANDI indica, anche, come negli anni il Dentista ANDI stia abbandonando la scelta di esercitare l’attività in più studi di proprietà. Se nel 2012 ad avere tre studi era il 18,8% dei soci nel 2017 sono scesi a 6,7%. Contrazione delle strutture che colpisce anche il secondo studio, nel 2012 era il 30,7% ad averlo, nel 2017 sono scesi a 24,9% i titolari di studio che ne detengono due.

Pubblicato il 28 giugno 2017

Newsletter del 28.06.2017

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08 e Privacy

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci