“L’odontoiatria del futuro, quali scenari per la nuova professione”. Da Cernobbio le indicazioni: condivisione, patto generazionale e saper fare rete

AndiInforma-Ce_228x148_14maggio

Il VI Workshop di Economia in Odontoiatria, svoltosi sabato 14 Maggio a Cernobbio (CO) ha dato indicazioni sul futuro della professione odontoiatrica permettendo di capire, come ha ricordato il Presidente Nazionale ANDI Gianfranco Prada, come i cambiamenti che stanno toccando la nostra società e di conseguenza l’odontoiatria influenzeranno la professione e quali saranno le strategie che lo studio dentistico dovrà o potrà adottare per continuare a soddisfare le richieste dei propri pazienti.

Il Workshop, come da tradizione organizzato grazie all’impegno del Servizio Studi ANDI coordinato da Roberto Callioni, è stato strutturato in due momenti, il primo più sociologico, dove si sono affrontati temi come l’invecchiamento della popolazione ma anche della professione, del cambiamento sociale in atto e della previdenza; il secondo su aspetti più odontoiatrici con la fotografia dell’esercizio professionale in Italia, di scenari futuri e come gestire il passaggio generazionale del proprio studio.

DSC_4006

Presenti a Cernobbio il Presidente Nazionale CAO Giuseppe Renzo, il Presidente CED Marco Landi, il Presidente ADEE Corrado Paganelli, il Tesoriere ERO Bartolomeo Griffa, il Presidente COI-AIOG Maria Grazia Cannarozzo, il Presidente UNIDI Gianfranco Berrutti, il Presidente PromUNIDI Alessandro Gamberini, il Vice Presidente UNIDI Mauro Matteuzzi.
L’evento, aperto dal Presidente della Sezione ANDI Como-Lecco Alberto Codazzi è stato moderato con grande competenza dal giornalista Rai Franco Di Mare.

 

colomboL’Italia, come il resto del Mondo sta invecchiando e questo può essere una opportunità, sia di vita che lavorativa, se sapremo rilanciare la nostra esistenza e non guardare indietro. Almeno secondo il Prof. Fausto Colombo, ordinario di Teoria della comunicazione alla Cattolica di Milano, che ha ricordato come gli over 65 di oggi, ed ancora di più quelli di domani, non sono i nuovi anziani ma saranno gli “ancora giovani”, persone con una buona salute, con buona disponibilità economica, che mantengono vive le relazioni e per questo curano la propria persona, i propri interessi, i propri piaceri. E le ricadute, anche sul settore odontoiatrico, saranno positive a patto che si sappia intercettare e soddisfare i loro bisogni. Ma la nuova anzianità deve essere considerata dal punto di vista organizzativo, del passaggio generazionale, del saper dare ma anche del lasciare che gli altri, i più giovani, possano darci. Concetto fondamentale, dice l’esperto, nella fase in cui giovane e vecchia generazione condividono un percorso comune, non solo lavorativo, perché, dice, dobbiamo accettare l’idea che non sempre “dobbiamo essere indipendenti”.
Guarda la relazione del Prof. Colombo

 

memo
Un invecchiare serenamente che comporta uno sforzo mentale notevole, ha ricordato il Prof. Maurizio Memo, ordinario di Farmacologia e prorettore all’Università di Brescia, che ha toccato il tema delle neuroscienze applicate al cambiamento, spiegando come il cervello debba adattarsi al cambiamento e come questo avvenga meglio se il cambiamento viene percepito come un aspetto positivo. Ma il Prof. Memo ha affrontato anche il tema del prolungare il proprio percorso lavorativo oltre certe soglie di età, considerando l’aspetto dal punto di vista pratico: un dentista può lavorare con una buona attenzione e manualità a 70 anni e quale e come potrà essere accettato un giovane collaboratore in studio? Il segreto dice il Prof. Memo è avere la consapevolezza che lo spazio di crescita è una risorsa e che il giovane collaboratore può completare la professionalità dei senior. Prof. Memo che ritorna poi sul concetto espresso dal Prof. Colombo: non si deve fare l’errore di voler dare senza essere disposti a ricevere.
Guarda la relazione del Prof. Memo

 

verbaroPiù preoccupante, per quel 60% di odontoiatri con più di 55 anni che oggi esercitano la professione, il tema toccato dalProf. Francesco Verbaro della Scuola superiore della Pubblica amministrazione, il futuro previdenziale. Ricordando le sottovalutazione del problema, ma soprattutto le non scelte della politica in tema di previdenza, oggi si deve strutturare una politica della previdenza adatta anche ai lavoratori autonomi e non solo pensare ad un modello creato per il lavoro dipendente. Il Prof. Verbaro che fotografa la situazione delle libere professioni oggi, evidenziando come queste stiano invecchiando e perdendo fatturato e come questi aspetti andranno ad incidere pesantemente sul futuro previdenziale dei professionisti. La sostenibilità previdenziale, ricorda, si deve basare sul altri paramenti rispetto a quelli considerati nei decenni scorsi, a cominciare dal tempo in cui il professionista rimarrà sul lavoro e di come le professioni stanno cambiando.
Guarda la relazione del Prof. Verbaro

 

mallarini-delvecchioLa fotografia dell’Odontoiatria che cambia è stata analizzata dalla Prof.ssa Erika Mallarini e dal Prof. Mario Del Vecchiodell’Università SDA Bocconi di Milano commentando i dati dell’Indagine Congiunturale 2016 forniti dal Servizio Studi ANDI ed intersecati con altri dati elaborati dalla Bocconi stessa. Il quadro che emerge è quello che conosciamo da qualche anno, con lo studio accerchiato dalla crisi, che impedisce ai pazienti di farsi curare e dall’ingresso nel mercato di nuovi competitor, catene ma soprattutto, dice la Prof.ssa Mallarini, i grandi gruppi che gestiscono la sanità privata e che stanno cominciando ad offrire anche prestazioni odontoiatriche.Per competere, suggeriscono gli esperti, le strade sono due: mettersi insieme per diventare più grandi e competitivi oppure cercare di “fare rete”, mantenendo la propria identità.Per i professori Mallarini e Del Vecchio la prima ipotesi diventa difficile da adottare per una categoria molto individualista come quella dell’odontoiatria, diverso invece per la seconda che consentirebbe di mantenere quelle specificità che hanno fatto la fortuna della professione odontoiatrica italiana e della salute orale dei cittadini (rapporto diretto con il paziente e qualità della prestazione) ottimizzando l’organizzazione e le risorse per abbattere i costi. E nel creare e gestire la rete, suggeriscono indirettamente gli esperti di SDA Bocconi, l’ANDI dovrebbe essere quel collettore di idee e strumenti per renderla non solo possibile, ma anche operativa e funzionale.
Guarda la relazione dei Prof. Mallarini e Del Vecchio

 

quarantaPiù specifico, ed anche pratico, l’intervento del Dott. Maurizio Quaranta, Vice Presidente ADDE: come dare un futuro al proprio studio odontoiatrico. Dott. Quaranta che, oltre a dare tutta una serie di indicazioni e parametri utili per definire il valore dello studio, ricorda che in futuro sarà sempre più squilibrato il rapporto tra la domanda di chi vuole cedere (in numero sempre più crescente) e di coloro che saranno disposti a rilevare (pochi) e quindi l’appetibilità sarà data da come lo studio ha saputo riorganizzarsi, ha saputo mantenere un buon numero di pazienti e come ha saputo innovare.
Guarda la relazione del Dott. Quaranta

 

DSC_3969
Il Presidente Nazionale ANDI al termine dei lavori ha espresso la piena soddisfazione per i risultati del Convegno, che dovranno essere tradotti in una concreta politica associativa, in tal senso i messaggi dalla giornata costituiranno utili spunti per i Delegati delle sezioni provinciali, che parteciperanno al Congresso politico associativo del 27-28 Maggio a Venezia.
Guarda il video
Vi invitiamo tutti ad accedere al sito dedicato al seguente link, dov’è possibile visionare le relazioni degli intervenuti.
Pubblicato il 18 maggio 2016

Newsletter del 18.05.2016

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08 e Privacy

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci