Essere un dentista ANDI

Essere un dentista ANDI è anche essere attori e sostenitori della volontà di aiutare chi ha bisogno di migliorare la propria condizione di salute ma non può farlo per ragioni socio-economiche, territoriali o perché privo di ogni possibilità di accesso a cure e prevenzione odontoiatrica.

Fondazione ANDI onlus è lo strumento organizzativo e divulgativo di tale impegno. Fino ad oggi questa testimonianza del nostro ruolo si è esplicitata a favore dei bambini in affido, delle popolazioni di luoghi lontani come Ladakh e Guatemala, dei cittadini italiani colpiti da calamità naturali, dei migranti, delle persone affette da una patologia rara come la displasia ectodermica. Purtroppo altre situazioni problematiche ci attendono e una di queste è sicuramente rappresentata dagli anziani non autosufficienti istituzionalizzati.

In Italia sono più di 278.000 (rapporto Auser 2017), anche se in realtà la platea comprende 2,5 milioni di persone assistite a casa.

Sul piano odontoiatrico vanno considerati alcuni obiettivi fondamentali ovvero: mantenere i pazienti privi della patologia cariosa e parodontale, liberi dal dolore, in condizioni di sicurezza funzionale dell’apparato masticatorio per evitare polmoniti ab ingestis e con l’adozione di terapie palliative appropriate. Spesso gravi e di non facile gestione sono le condizioni che caratterizzano l’anziano non autosufficiente: stato confusionale, rischio elevato di cadute accidentali, immobilità forzata e prolungata, incontinenza e piaghe da decubito. Inoltre va considerata la maggior frequenza di patologie quali infezioni, polmoniti, tossicità da farmaci, infezioni odontogene.

Le risorse pubbliche non sono sufficienti e comunque sono mirate alla gestione delle condizioni patologiche più gravi e non certo alla prevenzione e alla riduzione delle problematiche odontoiatriche. Noi cosa possiamo fare? Un ruolo importante è dato dal personale infermieristico che nella grande maggioranza dei casi, però, non riceve una formazione adeguata a monitorare e affrontare le condizioni odontoiatriche dell’anziano, che ricadono gravemente sul suo stato di salute generale. Per esempio spesso si ricorre all’impiego di bevande ad alto contenuto di zuccheri per integrare l’apporto calorico deficitario per difficoltà di masticazione e deglutizione, questo però favorisce l’insorgenza di ulteriori patologie cariose che danneggiano i residui elementi dentari e che quindi comportano un conseguente peggioramento delle condizioni orali. L’inadeguata e persistente mancanza di igiene delle protesi rimovibili, associata alla tipica xerostomia dell’anziano, conduce a uno scenario di gravissimo decadimento delle condizioni funzionali orali. Su questi argomenti possiamo certamente dare il nostro contributo formativo rivolto al personale paramedico e all’interno delle strutture di ricovero.

Essere un dentista ANDI è anche potersi dotare di strumenti di intervento in situazioni di emergenza come calamità naturali, terremoti e alluvioni in particolare. Sono anni che esprimiamo la necessità di dotarci di una unità mobile efficace e funzionale per l’assistenza odontoiatrica. Ora è il momento di dare seguito a questa istanza e pertanto uniamoci per raccogliere i fondi necessari all’acquisto e all’allestimento di un ambulatorio odontoiatrico mobile. Possiamo farlo in vari modi, con un click sul sito di Fondazione ANDI onlus alla pagina fondazioneandi.org/dona-un-sorriso oppure nel contesto delle prossime cene prenatalizie organizzate da gran parte delle sezioni provinciali. Un mezzo mobile tutto nostro potrebbe fare davvero la differenza, così come abbiamo avuto modo di verificare durante l’ultima emergenza del 2016.

Essere un dentista ANDI è anche farsi promotore di nuovi progetti dentro la Fondazione ANDI onlus: molti soci, sparsi un po’ in tutte le sezioni, sono impegnati da anni in programmi di cooperazione e volontariato. Ebbene non disperdiamo le forze, facciamocene carico insieme, discutiamo dei vari interventi, tracciamo le comuni priorità, prendiamo spunto dalle singole esperienze maturate nel corso degli anni. Perché se è pur vero che ogni aiuto è un bene, più uniti siamo più ogni singolo intervento diventerà forte e incisivo. E rafforzando i progetti, portandoli avanti insieme, rafforzeremo anche la nostra Fondazione.

Buon Natale e felice Anno a tutti voi e alle vostre famiglie.

Giovanni Evangelista Mancini
Presidente Fondazione ANDI Onlus

Pubblicato il 6 dicembre 2017

Newsletter del 06.12.2017

 

Servizi Online

 

Per i Soci

Assicurazioni

Scopri l'offerta assicurativa Oris Broker - Cattolica dedicata ai Soci ANDI

Corsi 81/08

Corsi obbligatori ai sensi del D.Lgs 81/08 Art. 37 e Art. 34

DVR Applicativo Online

Per la compilazione del Documento Valutazione Rischi

730 precompilato

Aggiornamenti e software ANDI
 
 

iDenti

App gratuita per iPhone e iPad per individuare un dentista nelle vicinanze

Il Tuo dentista informa

Non solo informazioni cliniche ma anche i consigli dei dentisti ANDI e curiosità

TV ANDI

Comunicare, intrattenere e fidelizzare i pazienti fin dalla sala d’attesa
 

In evidenza

Fondazione ANDI

Parte a Catanzaro “Adotta un sorriso di un bambino”

Presidenza

Le novità del 2017 in tema fiscale: spesometro, maxi-ammortamento ed addio Studi di settore

News Culturali

ECM: la Commissione concede proroga di un anno per raccogliere i crediti

Fondazione ANDI

Emergenza medica online con una App

Presidenza

Inserimento dei neo laureati nel mondo del lavoro. Il Collegio dei Docenti sostiene il progetto ANDI ed Italia Lavoro
 

Segui ANDI su

 
 
Aziende per ANDI. Scopri i vantaggi per i Soci