Il Consiglio di Stato conferma la ragionevolezza della sospensione dall’esercizio della professione per i sanitari non vaccinati

Il Consiglio di Stato conferma la ragionevolezza della sospensione dall’esercizio della professione per i sanitari non vaccinati
Condividi su:

Con una recente sentenza il Consiglio di Stato ribadisce l’obbligo di vaccinazione per le professioni sanitarie e la conseguente sospensione in caso di mancata vaccinazione.

Si deve ritenere assolutamente prevalente la tutela della salute pubblica e, in particolare, la salvaguardia delle categorie più fragili e dei soggetti più vulnerabili (per l’esistenza di pregresse morbilità, anche gravi, come i tumori o le cardiopatie, o per l’avanzato stato di età) bisognosi di cura ed assistenza, spesso urgenti, e proprio per questo posti di frequente a contatto con il personale sanitario o sociosanitario. Verso costoro sussiste uno stringente vincolo di solidarietà, cardine del sistema costituzionale (art. 2 Cost.) ed immanente e consustanziale alla stessa relazione di cura e di fiducia che si instaura tra paziente e personale sanitario, che impone di scongiurare l’esito paradossale di un contagio veicolato dagli stessi soggetti chiamati alle funzioni di cura ed assistenza.