Il piano di priorità ADA identifica i dentisti come categoria essenziale nella distribuzione vaccinale

Il piano di priorità ADA identifica i dentisti come categoria essenziale nella distribuzione vaccinale

Washington – Dentisti e igienisti sono essenziali professionisti della salute, che dovrebbero vedersi garantito l’accesso rapido al vaccino contro il COVID-19. Questo è quanto afferma un piano di distribuzione prioritaria del vaccino rilasciato dalle National Academies of Sciences, Engineering and Medicine in un webinar tenutosi il 2 Ottobre scorso.

“Siamo entusiasti che le National Academies abbiano affermato definitivamente quello che noi sosteniamo da lungo tempo,” commentano il Presidente ADA Chad P. Gehani e il Direttore Esecutivo Kathleen T. O’Loughlin. “L’odontoiatria è un servizio fondamentale per la salute della persona: ne consegue che dentisti, igienisti e i loro team siano lavoratori essenziali.”

Il Center for Disease Control and Prevention, unitamente al National Institute of Health, ha chiesto alle National Academies di elaborare un piano di lavoro che consenta di guidare le future decisioni riguardo la distribuzione delle prime dosi del vaccino, tramite il neonato Committee on Equitable Allocation of Vaccine for the Novel Coronavirus. Il piano include inoltre delle linee guida per assicurare equità nella distribuzione, amministrazione e accesso al vaccino. Inoltre, sono previste misure per promuovere l’inclusività delle comunità di destinazione tramite l’accettazione della necessità vaccinale.

La dottoressa O’Loughlin ha portato la richiesta della copertura vaccinale per gli odontoiatri di fronte alle National Academies lo scorso 2 Settembre, sostenendo la tesi che i dentisti siano professionisti indispensabili per la salute, e che quindi necessitino di una vaccinazione prioritaria. “Non ci sono dubbi sul fatto che ci sarà una elevata domanda per un vaccino efficace contro il SARS-CoV-2, non appena sarà reso disponibile. Le dosi dovranno essere razionate, almeno fintantoché l’offerta non pareggi la domanda,” ha commentato.

“Per questa ragione, siamo estremamente soddisfatti della decisione presa dalle National Academies, il Center for Disease Control and Prevention e il National Institute of Health di assicurare la fornitura alle categorie più esposte. Tra queste ricordiamo, accanto a dentisti e altri professionisti della salute, comunità ad alto rischio latine e afroamericane, e anziani con patologie pregresse. Tutte queste categorie hanno la necessità di ricevere anticipatamente il vaccino.”

La Dottoressa O’Loughlin e il Presidente ADA Chad P. Gehani hanno fatto seguito, il 4 Settembre, alla decisione presa dalle National Academies. “Siamo entusiasti della vostra ponderata decisione sull’allocazione delle prime forniture di vaccini contro il COVID-19. Includere dentisti e team odontoiatrici tra i lavoratori della salute fondamentali, in grado di accedere per primi al vaccino, ridurrà l’incidenza di malattie dentali gravi e segnanti, e probabilmente aiuterà a salvare delle vite.”

Il 27 Luglio scorso, il Board of Trustees ADA ha adottato una policy ad interim per aiutare a guidare il processo decisionale e la promozione della professione odontoiatrica durante il difficile periodo della pandemia COVID-19. Il prossimo Ottobre, durante un meeting virtuale, la House of Delegates promuoverà questa policy provvisoria a risoluzione stabile.

Fonte:

Leggi l’articolo originale QUI