La giornata ANDI dedicata alla privacy incassa l'apprezzamento del Garante

La giornata ANDI dedicata alla privacy incassa l'apprezzamento del Garante
Condividi su:

Bilancio decisamente positivo per il primo Privacy Day ANDI, che ha confermato tutte le aspettative della vigilia. Lo scopo primario era rappresentato dalla possibilità di interazione diretta tra l’Autorità Garante, gli specialisti e gli associati. Obiettivo sicuramente raggiunto, considerando la importante affluenza di pubblico (398 le pre-adesioni raccolte oltre ai partecipanti alla diretta) e l’animato question time durante il quale sono stati numerosi i quesiti posti, sia di ordine pratico che procedurale.

Erano presenti in collegamento tutti i Presidenti Regionali e Provinciali ANDI, i Segretari Sindacali e tutti i Presidenti CAO.

A introdurre i lavori della mattina, dedicata alle cariche elettive dell’Associazione, dopo l’apertura del Presidente nazionale ANDI, Carlo Ghirlanda e del Presidente nazionale CAO, Raffaele Iandolo, l’intervento della Vicepresidente Garante privacy, Ginevra Cerrina Feroni, che ha sottolineato il forte apprezzamento del Garante per il lavoro dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani che, con questa iniziativa, contribuisce alla diffusione della cultura, anche in tema di privacy, seguendo l’orientamento del nuovo Collegio del Garante, orientato verso una capillare informazione, anziché verso la sanzione.

L’introduzione dei lavori del pomeriggio, che questa volta hanno coinvolto i Soci ANDI, sempre dopo l’apertura del presidente nazionale dott. Ghirlanda, è stata svolta da Guido Scorza, altro componente del Collegio che, tra l’altro, ha sottolineato come l’Autorità Garante non debba essere intesa solo quale controllore e soggetto che sanziona gli inadempimenti dei titolari, ma anche quale punto di riferimento del titolare che vuole adeguarsi al GDPR.

Le molteplici domande della platea dei partecipanti sono state sicuramente frutto della complessità della normativa e hanno consentito ai relatori di fornire chiarimenti mirati e puntuali, anche su questioni “comuni” che si possono incontrare nella pratica quotidiana.

Sono intervenuti Gianluigi Ciacci, Docente universitario e Consulente ANDI GDPR Privacy, Michela Massimi, assistente del componente collegio avv. Guido Scorza – Garante privacy, Fausto Cioffi, del Dipartimento tecnologie digitali e sicurezza informatica, Garante privacy e Monica Arbitrio di SLCDPO, società specializzata in Diritto delle Nuove Tecnologie e Protezione dei Dati Personali.

Le domande più significative e le relative risposte saranno pubblicate nei prossimi giorni su ANDI OGGI, nell’intento di garantire la massima divulgazione delle informazioni ai Soci.