Oggi i pazienti sono più sensibili alla salute orale, ma i giovani sono più attenti all’estetica

Oggi i pazienti sono più sensibili alla salute orale, ma i giovani sono più attenti all’estetica
Condividi su:

il Dott. Andrea Roman, Presidente di ANDI Pordenone, commenta lo scenario attuale rispetto al tema della prevenzione odontoiatrica, evidenziando come ci sia più attenzione da parte dei pazienti e come il futuro della comunicazione sia ormai legato al web ed ai social. Importante, però, mantenere un’informazione costante anche sugli altri media.

“In base alla mia esperienza professionale, ritengo che rispetto alla fine del 2020 in questo momento torni ad esserci più attenzione da parte dei pazienti, soprattutto nell’ambito preventivo. In alcuni casi posso ipotizzare che possa essere dovuto ai risparmi economici di mesi di permanenza forzata in casa ma, generalmente, rispetto a qualche mese fa, oggi diversi pazienti sono interessati alla salute orale. Va sottolineato che i pazienti più giovani sono più sensibili all’estetica piuttosto che al mantenimento generale della salute orale, ma si tratta comunque di un fattore positivo.

Per quanto riguarda il Mese della Prevenzione, negli ultimi anni purtroppo non ho avuto un forte riscontro da parte dei pazienti per le visite di controllo.

Sul nostro territorio, molte persone, specialmente quelle più anziane, ancora oggi si informano tramite i quotidiani e credo che potrebbe essere utile inserire ancora nelle pagine informazioni necessarie a far conoscere il Mese della Prevenzione. Per contro, le nuove generazioni sono molto attive sui social, dunque gli strumenti digitali hanno un ruolo molto importante per informare e sensibilizzare i giovani.

Ritengo, però, che l’iniziativa Facebook Professional avviata da ANDI sia sicuramente valida, in quanto il futuro è sempre più social e web”.