“Ripartiamo da qui” un nuovo modo di fare formazione da ANDI Basilicata

“Ripartiamo da qui” un nuovo modo di fare formazione da ANDI Basilicata
Condividi su:

Una ripartenza a pieni giri caratterizza il primo evento post Covid realizzato da ANDI Basilicata. Accanto alla ripresa, reale e simbolica, con un evento in presenza, il Dipartimento lucano ha fatto una scelta in controtendenza, aprendo al territorio e alla possibilità per i partecipanti di rompere gli schemi e condividere una “due giorni” capace di unire l’aggiornamento professionale all’arricchimento culturale, grazie a un territorio forte di una ricchezza storica, paesaggistica e culturale che non teme confronti.

Venerdì 9 e sabato 10 luglio le date, Castelmezzano e Matera i luoghi del convegno, Odontoiatri, Igienisti e ASO i protagonisti, 15 i crediti ECM a disposizione. Numeri che lasciano presupporre un successo annunciato.

Ne è convinto il Presidente di ANDI Basilicata, Donato Andrisani: “Ripartiamo da qui” sarà un evento fuori del comune, all’insegna del desiderio di riprenderci ciò che questo virus ci ha tolto, una formula mai realizzata prima che unisce lo stare all’aria aperta in paesaggi incontaminati, un pizzico di brivido per chi lo volesse provare, con il Volo dell’Angelo nella mattinata di venerdì 9, arte, cultura, tanta convivialità e aggiornamento professionale, il tutto catalizzato dalla voglia di stare insieme”.

Gli fa eco il Presidente di ANDI Potenza, Giulio Ruggieri, coordinatore del convegno:” Abbiamo voluto associare alla formazione alcune possibilità di scoperta turistica molto importanti, come il borgo di Castelmezzano e la Cripta del peccato originale di Matera, patrimonio dell’Unesco. Il venerdì e il sabato mattina saranno in programma le escursioni, mentre il pomeriggio sarà dedicato alla formazione. Volutamente non c’è un tema scientifico principale ma abbiamo voluto dare un‘indicazione generale legata alla ripartenza, per un evento che possa coinvolgere non solo gli Odontoiatri, ma anche gli Igienisti e le ASO, impreziosito dal riconoscimento di 15 crediti ECM. La centralità del convegno è legata al fattore umano, così importante dopo incontri e webinar esclusivamente a distanza, a colmare quanto più possibile la lontananza fisica imposta. Spazio alla necessaria formazione, dunque, ma anche alla scoperta del territorio, a sancire il ritorno alla normalità. Sarà fondamentale ritrovarci non solo come colleghi ma anche come amici. Sarà l’occasione per coniugare al meglio consuetudine e rinnovamento”.

”La nostra intenzione è ripristinare la socialità, allo stesso tempo omaggiando il nostro territorio – chiosa ilSegretario Culturale di ANDI Basilicata, Giuseppe Reale – per assolvere alla necessità di continuare la formazione in presenza, andando a mitigare le lacune di relazione che il rapporto a distanza con relatori e colleghi non poteva colmare”.

Un coro unanime, a conferma dell’importanza che la formazione online ha assunto nel periodo di restrizione della libertà di circolazione e che continuerà sicuramente a mantenere anche in futuro, ma anche della consapevolezza dell’insostituibile gioia che solo gli eventi in presenza possono garantire.