Servizi per i Soci, per i cittadini, per il sociale: impressionanti i numeri dell’attività di ANDI

Servizi per i Soci, per i cittadini, per il sociale: impressionanti i numeri dell’attività di ANDI

Leggere gli anni di Presidenza Prada attraverso i numeri fa decisamente “effetto”, a cominciare da quelli dei Soci che hanno superato i 25 mila, portando ANDI ad essere il sindacato più numeroso in ambito odontoiatrico, ma anche in area medica, sia per rapporto iscritti/esercenti che per numero assoluto di Soci.
“Tra le numerose attività che ogni Associazione e Sindacato deve svolgere per i propri Soci, quella di attivare servizi al fine di agevolarli nell’esercizio della professione, ma anche per aiutarli ad applicare gli oneri burocratici contendo svantaggi e costi, è fondamentale. Ed anche su questo ci siamo concentrati durante la mia Presidenza, ottenendo risultati importanti”, ricorda il Presidente Nazionale ANDI Gianfranco Prada.
 
Attività Sindacale
Mai come negli ultimi anni l’attività sindacale e politica di ANDI ha toccato risultati mai conseguiti a cominciare dai tanti emendamenti presentati in Parlamento a difesa della professione, ai risultati ottenuti con l’approvazione della Legge Lorenzin contro gli abusivi e sulle limitazioni per le Catene in tema di direttore sanitario. Ma l’intensa attività sindacale si è anche sviluppata nei palazzi ministeriali per capire, e dove è stato possibile fare adattare o migliorare le norme. Come successo con il lavoro svolto verso gli studi di settore, il Job Act sul lavoro autonomo, la legge sulla sicurezza dei luoghi di lavoro etc. Ma anche l’attivazione dei servizi che consentono al Socio ANDI di rispettare le norme, contenendo costi ed impegno burocratico. Con questo fine sono stati attivati i corsi sull’81/08, con lo strumento informatico semplice ed efficace che consente ai Soci di compilare il documento di valutazione dei rischi ai fini del D.Lgs.81/08. Indispensabile si è rivelato il programma gestionale reso disponibile gratuitamente ai Soci per l’invio dei dati per il Sistema Tessera Sanitaria, dopo aver tentato invano di ottenere una esenzione per gli studi odontoiatrici, riuscendo ad avere agevolazioni per l’invio dello spesometro. Tra i servizi attivati quello della Pec e quello recentissimo che consente ai SOCI di adempiere agevolmente al nuovo regolamento europeo sulla privacy e quello che ha consentiti a tutti i Soci di adeguarsi alla precedente normativa.
Oltre 15 mila sono stati i lavoratori formati attraverso i nostri corsi, 370 i corsi realizzati sul territorio in collaborazione con le Sezioni Provinciali, 460 i responsabili del servizio di prevenzione e protezione formati.
 
Formazione ECM
Pur rimanendo contraria a come viene imposta la normativa in tema di Formazione ECM, ANDI in qualità di Provider Accreditato, ha svolto una intensa attività per organizzare eventi residenziali, in collaborazione con le Sezioni ed i dipartimenti regionali e corsi FAD in modo da agevolare gli iscritti ad assolvere al dovere di aggiornamento ottenendo non solo crediti ECM ma anche una formazione di qualità a costi contenuti, che in molti casi sono stati pari allo zero. Quasi 220 mila i crediti assegnati nel solo 2017, 187 i corsi accreditati, oltre 20 mila partecipanti ai corsi, 76 i Dipartimenti regionali e le Sezioni ANDI coinvolte, un milione i crediti FAD assegnati.
 
Attività per i giovani
La conferma di una stretta sinergia tra il Nazionale e le Sezioni ANDI, oltre che nella condivisione di attività e decisione, ha dato i suoi frutti con il progetto ANDI Young. Obiettivo quello di agevolare i Soci under 35 nella gestione della propria attività ma anche nella sua crescita professionale dal punto di vista clinico. Tra le attività il Congresso nazionale, la collana libri, gli eventi locali, ed i servizi sindacali messi a disposizione come quello che consente di accedere a contratti di collaborazione agevolati.
 
Comunicazione esterna
Quella che forse ha colpito di più per il momento storico in cui si è svolta è stata la campagna di comunicazione che ha visto ANDI acquistare spazi sui principali mezzi di informazione per spiegare i rischi che la mercificazione della professione comportano sulla salute degli italiani, ma importanti sono state anche quelle contro l’abusivismo e che facevano conoscere lo studio del Socio ANDI. Campagne messe a disposizione delle Sezioni e Dipartimenti regionali, molti dei quali le hanno utilizzate per attivarle a livello locale. Solo la campagna ANDI andata in onda sulle reti Rai e Mediaset è stata vista da oltre 8 milioni si italiani facendo aumentare di 8 punti percentuali la conoscenza degli studi ANDI nella popolazione italiana.
E tra gli strumenti di comunicazione che promuovono il Dentista ANDI, non solo come serio professionista che ha come principale obiettivo la salute dei propri pazienti ma anche come medico che si occupa del sociale, non ci si può dimenticare gli oltre 3mila aderenti all’Oral Cancer Day, ed al servizio Sorrisi d’Agosto e i 10 mila dentisti che si sono impegnati anche nel 2017 per effettuare le visite gratuite attraverso il Mese della Prevenzione Dentale.

Condividi su: