Studio odontoiatrico: è necessaria la prova analitica di ogni versamento bancario, con specifica indicazione della riferibilità

Studio odontoiatrico: è necessaria la prova analitica di ogni versamento bancario, con specifica indicazione della riferibilità
Condividi su:


La Cassazione, nei giorni scorsi si è pronunciata in tema di accertamenti bancari, sottolineando come il D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32, e il D.P.R. n. 633 del 1972, art. 51, prevedono una presunzione legale in favore dell’erario che, in quanto tale, non necessita dei requisiti di gravità, precisione e concordanza richiesti dall’art. 2729 c.c., per le presunzioni semplici, e che può essere superata dal contribuente attraverso una prova analitica, con specifica indicazione della riferibilità di ogni versamento bancario, idonea a dimostrare che gli elementi desumibili dalle movimentazioni bancarie non attengono ad operazioni imponibili, cui consegue l’obbligo del giudice di merito di verificare con rigore l’efficacia dimostrativa delle prove offerte dal contribuente per ciascuna operazione e di dar conto espressamente in sentenza delle relative risultanze.