Dentix, finite le speranze. Chiusa la clinica della piazza.

Dentix, finite le speranze. Chiusa la clinica della piazza.

IL CRAC

https://www.ilgazzettino.it/pay/venezia_pay/dentix_finite_le_speranze_chiusa_la_clinica_della_piazza-5439793.html

MESTRE

I pazienti dello studio Dentix di Mestre hanno perso le speranze. E anche secondo I’Adico, che sta seguendo le loro cause, l’ambulatorio non riaprirà. Il cartello, al civico 35 di piazza Ferretto, c’è ancora: “Si informa che gli ambulatori si stanno attrezzando con tutti i dispositivi di sicurezza per garantire il servizio odontoiatrico in piena  sicurezza: riapriremo non appena finalizziamo la messa in sicurezza degli ambulatori”. «Ma sul web la sede è passata dalla chiusura temporanea a quella “definitiva” – spiegano da Adico -. Cade dunque anche l’ultimo appiglio per un “happy-ending” che non ci sarà e per i tanti pazienti dell’ormai ex clinica non resta altro che continuare la propria battaglia legale per la sospensione delle rate, l’annullamento di quelle pagate (senza ricevere alcun intervento) e la ri­ chiesta di restituzione dei soldi sborsati». Sono più di cento solo i pazienti mestrini che si sono rivolti ad Adico, ma i casi sono molti di più. «Stiamo parlando di persone che hanno pagato migliaia di euro, anche dieci o dodicimila e ora sono rimasti con lavori lasciati a metà o mai iniziati -commenta il presidente dell’Adico, Carlo Garofolini. Noi stiamo procedendo con la messa in mora della Dentix, che non ha mai risposto alle nostre diffide, e con la richiesta di sospensione delle rate alle finanziarie che invece ci stanno rispondendo positivamente. Speravamo che la situazione si risolvesse a settembre con la riapertura della sede mestrina». Nel frattempo, anche chi aveva già pagato o iniziato i trattamenti, è stato costretto a rivolgersi ad altre realtà, mentre la protesta monta anche tra i dentisti che, tramite l’ANDI, ricordano che c’è un servizio di guardia medica odontoiatrica al quale i pazienti di Dentix possono rivolgersi in caso di urgenze. «L’azienda finora non ha risposto alle nostre lettere – ag­ giunge Garofolini -. Andando a vedere la sede in piazza, poi, si possono vedere i tanti avvisi postali adagiati per terra da mesi. A noi non resta che continuare l’attività legale che sta portando ottimi frutti soprattutto con le due principali finanziarie coinvolte, FidiTalia e Cofidis che stanno accordando la sospensione delle rate e, contemporaneamente, stanno analizzando le posizioni dei nostri soci a fronte della presentazione di una perizia che indica a che punto sono i lavori per ogni singolo paziente».(m.fus.)

Condividi su: