Disponibilità degli Odontoiatri toscani come vaccinatori, ma si faccia chiarezza

Disponibilità degli Odontoiatri toscani come vaccinatori, ma si faccia chiarezza
Condividi su:

La campagna vaccinale in Toscana prosegue in modo costante e nelle province di Massa Carrara e Pistoia è al termine, per la categoria odontoiatrica. Perplessità, da parte degli Odontoiatri, rispetto alla proposta di offrirsi come vaccinari volontari. C’è l’adesione, ma dal territorio toscano giungono incertezze, soprattutto riguardo l’aspetto giuridico.

La Dott.ssa Barbara Pianini, Presidente ANDI Massa Carrara, spiega: “La situazione della campagna vaccinale per Odontoiatri e personale di studio nella nostra provincia è molto buona, in quanto, dai dati in mio possesso, quasi tutti hanno già ricevuto la seconda dose, specificatamente con vaccino Pfizer, rientrando quindi nella prima fase di vaccinazione, come personale sanitario. La risposta è stata molto buona ed i colleghi, pur di vaccinarsi, si sono anche spostati nelle province limitrofe, secondo necessità. Altrettanto buona l’organizzazione all’interno degli hub vaccinali. Rispetto la proposta di operare come vaccinatori volontari, nella nostra provincia c’è una posizione abbastanza diffusa, ossia disponibilità degli Odontoiatri come vaccinatori, ma all’interno di strutture specifiche delle Asl e non nei nostri studi. Le singole Regioni dovranno dire in maniera più esplicita di cosa hanno bisogno, in quanto c’è una differenza radicale tra essere solamente vaccinatori e farlo all’interno degli studi dentistici. Come provincia, non abbiamo inviato ancora alcuna richiesta, in attesa di comprendere correttamente la questione”. 

Alle sue parole si aggiunge il Dott. Gianluca Mocciola, Presidente ANDI Grosseto: “Personalmente ho notato che la Toscana è stata la prima a riconoscere agli Odontoiatri ed al loro team la possibilità di vaccinazione nella prima fase. Ci sono stati ritardi imputabili alla disponibilità dei vaccini ma, allo stato attuale, quasi tutti hanno completato la vaccinazione. Riguardo a un nostro intervento come vaccinatori, abbiamo deciso di dare disponibilità su base volontaria a partecipare alla campagna operando, però, nelle sole strutture pubbliche”.

La Dott.ssa Lucia Micheletti, Presidente di ANDI Pisa, evidenzia come l’adesione alla vaccinazione da parte del comparto odontoiatrico sia stata molto alta: “Ritengo che la campagna vaccinale per gli Odontoiatri nella nostra provincia sia andata molto bene. Tutti i colleghi e le ASO che hanno deciso di aderire sono stati vaccinati. L’adesione è stata quasi totale, indicativamente potrei dire intorno al 96%. Siamo partiti con ritardo rispetto ad altre Regioni, ma allo stato attuale ci possiamo sicuramente ritenere soddisfatti. Rispetto alla proposta di offrirci come volontari nella campagna vaccinale, come sezione provinciale ANDI di Pisa, abbiamo dato la nostra disponibilità. Ritengo che in questo momento ci sia più carenza di vaccini che non di medici vaccinatori, ma qualora ci fosse bisogno, siamo a disposizione, ovviamente negli hub preposti, così come fanno anche i medici di base e non nei nostri studi odontoiatrici”.

Scenario positivo anche in provincia di Pistoia, come evidenzia il Dott. Enrico Cocchi, Presidente di ANDI Pistoia: “Nella nostra provincia quasi tutti gli Odontoiatri ed il personale di studio sono stati vaccinati con entrambi le dosi, compresi igienisti e personale amministrativo. L’adesione da parte dei colleghi è stata elevata mentre, relativamente alla proposta di offrirci come vaccinatori volontari, io personalmente mi metterò a disposizione solo in presenza di uno scudo penale. Per il bene della cittadinanza, siamo sicuramente intenzionati a partecipare e a titolo gratuito, ma vorremmo delle garanzie sul fatto che non dobbiamo rispondere di complicazioni non derivanti dalla nostra azione . Rimaniamo, quindi, collaborativi ma con una posizione giuridica chiara”.